Fermer
banniere_karch01.jpgbanniere_karch02.jpgbanniere_karch03.jpgbanniere_karch04.jpgbanniere_karch05.jpgbanniere_karch06.jpgbanniere_karch07.jpgbanniere_karch08.jpgbanniere_karch09.jpg

Natrice dal collare settentrionale

Natrix natrix natrix (Linnaeus, 1758)

Natrix natrix© H. Billing.jpg

In Svizzera sono presenti due differenti specie di natrice dal collare, considerate tali dal 2017. La specie Natrix natrix (Natrice dal collare settentrionale) é distribuita unicamente nelle regioni del nord-est della Svizzera, mentre che la specie Natrix helvetica (Natrice dal collare elvetica) occupa le restanti regioni della Svizzera.

Come tutti i serpenti inoffensivi della Svizzera, la Natrice dal collare settentrionale possiede la pupilla rotonda. Il colore di fondo varia dal grigio chiaro al nero. I segni maggiormente caratteristici delle natrici dal collare sono le macchie – nella maggior parte di casi di colore giallo - aventi una forma a cornetto dietro la testa, contrastate da un secondo cornetto di colore nero. Questo collare, che ha dato il nome alla specie, in certi casi è poco marcato o assente, in particolare negli individui melanici. La specie N. natrix si differenzia da N. helvetica per la presenza di un disegno composto da sottili barre verticali nerastre su entrambi i fianchi che possono tavolta essere assenti, mentre che in N. helvetica queste bande sono più marcate. La macchia nera del collare è generalmente più corta in N. natrix rispetto a N. helvetica.

I maschi possono raggiungere raramente i 90 cm di lunghezza e le femmine possono misurare fino a 120 cm; N. helvetica é un poco più grande e massiccia rispetto a N. natrix.

La Natrice dal collare è una buona nuotatrice che in caso di pericolo di norma si getta in acqua e vi si immerge. All'interno del suo territorio non è molto legata a un posto particolare; pur se in alcuni luoghi possono essere presenti parecchi individui, è raro osservare lo stesso animale per molto tempo nello stesso punto.

La Natrice dal collare abbandona il suo rifugio invernale all'inizio di aprile. L'accoppiamento ha luogo in maggio; in quest’occasione nei luoghi propizi possono riunirsi più animali. Le uova vengono deposte in luglio sotto mucchi di composto o di letame o in altri luoghi simili, umidi e ricchi di sostanze marcescenti che producono calore. A dipendenza delle dimensioni della femmina, il numero delle uova può variare da 10 a 30, in casi estremi può arrivare fino a 50. I nuovi nati, della lunghezza di circa 20 cm, sgusciano verso la fine di agosto.
A partire dalla metà di ottobre le natrici dal collare ritornano nei loro rifugi invernali.
 
La Natrice dal collare ha molti nemici naturali (rapaci, aironi, gatti, volpi, faine, ecc.) e non è in grado di difendersi. Per questa ragione l'animale è molto timido e fugge al minimo segnale di pericolo. Se ciò non gli riesce, spesso tenta di scoraggiare l'aggressore appiattendo la testa, fischiando forte e fingendo di voler mordere. Veri morsi sono peraltro molto rari e assolutamente innocui. Se afferrata, la biscia espelle una sostanza maleodorante dalla cloaca. Come misura estrema può fingersi morta, rivoltandosi sul dorso con la bocca aperta e la lingua a penzoloni.
 
La Natrice dal collare si nutre principalmente di rane, rospi, tritoni e pesci, occasionalmente anche di topi e lucertole. Le prede non vengono uccise, bensì ingoiate ancora vive, di norma iniziando dalla parte posteriore.
 

 

In Svizzera la natrice dal collare settentrionale è presente unicamente nel nord-est, separata dal resto delle regioni da una frontiera passante tra Zurigo e il Lago di Costanza.

Natrix natrix.png

Carte di distribuzione

Le esigenze ecologiche della Natrice dal collare, in particolare il suo regime alimentare, la legano fortemente ai luoghi umidi. La drastica diminuzione di questi ambienti avvenuta nel corso di questo secolo e tuttora in atto, conseguenza dei vasti interventi di bonifica, della costruzione di strade e dello sviluppo delle aree insediative, ha avuto preoccupanti conseguenze anche per questo serpente. Sull'Altopiano svizzero, dove un tempo la specie era molto comune, le popolazioni numerose sono divenute ormai rare.

L'Inventario dei rettili del Canton Turgovia ha mostrato che le popolazioni di Biscia dal collare si distribuiscono abbastanza regolarmente tra paludi e laghi (25%), piccole zone umide (16%), corsi d'acqua (21%), cave (20%) e altri ambienti (18%). Anche in questo caso particolarmente importanti si sono rivelati stagni e paludi, in ca. 62% dei quali la presenza della specie ha potuto essere riscontrata.
In Svizzera esistono ancora solo pochi ambienti palustri di grandi dimensioni con popolazioni significative di Biscia dal collare. Nella maggior parte dei casi gli animali sono invece distribuiti in piccoli biotopi di dimensioni limitate sparsi sul territorio. La sopravvivenza della specie dipende quindi molto dalle possibilità di collegamento tra i vari biotopi. La distruzione di un numero sempre maggiore di oggetti e la contemporanea creazione di barriere artificiali (ad esempio la costruzione di strade) intaccano però ripetutamente questa rete di collegamenti, rendendola sempre più lacunosa.

L'utilizzo di pesticidi e l'eutrofizzazione dei corsi d'acqua contribuiscono a loro volta direttamente (avvelenamento) o indirettamente (scomparsa di anfibi) al degrado delle popolazioni di Natrice dal collare. Nelle vicinanze degli agglomerati urbani a queste minacce si aggiungono la presenza di numerosi gatti e l'uccisione sconsiderata da parte di persone ignoranti.
 
 
Punti da tener presenti a livello pianificatorio:
  • tutela di tutte le zone umide ancora esistenti
  • elaborazione di piani di ripristino e di gestione dei biotopi esistenti
  • protezione delle componenti naturali quale destinazione finale per le aree abbandonate
  • conservazione e rafforzamento dei collegamenti ecologici tra i vari biotopi
  • delimitazione di zone tampone lungo i corsi d'acqua e attorno alle zone umide
  • ripristino di corsi d'acqua canalizzati e di vecchi meandri o lanche
  • creazione di nuove zone umide
 
Misure concrete di ripristino e gestione:
  • mantenere sotto controllo la crescita dei cespugli
  • creare luoghi di riproduzione per gli anfibi
  • arricchire la struttura del biotopo con la posa di mucchi di pietre o di cataste di legna
  • ammucchiare i cespugli tagliati in luoghi idonei per la deposizione delle uova
  • progettare rive naturali e non incanalate
  •  eseguire i lavori di gestione nella stagione invernale
  • ridurre l'utilizzo di prodotti chimici nelle colture.
 

 

Nella scelta dell'habitat il rettile è adattabile, purché vi sia disponibilità di nutrimento, di nascondigli e di luoghi nei quali rifugiarsi, svernare e deporre le uova. Può quindi vivere nelle paludi, negli stagni, sulle rive dei laghi, lungo i fiumi, nelle zone golenali, ma anche nelle cave di argilla o di ghiaia. Nei territori più favorevoli occupa anche radure, siepi e margini boschivi.

 

 

Habitat tipico della Natrice dal collare

Scheda specie

  • Corpo snello e robusto
  • Testa grande e facilmente distinguibile dal corpo
  • Colorazione grigia chiara o scura, brunastra o beige, raramente verdastra
  • Fianchi con bande nere trasversali (assenti o rimpiazzate da punti nella sottospecie nominale)
  • Occhi grandi con pupille circolari
  • Testa composta di squame voluminose
  • Squame labiali (labbra superiori) a contatto con l’occhio
  • Parte posteriori dei bordi delle squame labiali di color nero
  • Presenza di due macchie laterali, bianche, gialle o arancioni dietro la testa (collare), delimitate posteriormente (spesso anche anteriormente) da una macchia nera; questo collare è molto contrastato nei giovani e tende a svanire con l’età
  • Confusioni possibili: Natrice dal collare elvetica, Natrice viperina, Natrice Tassellata, Colubro di Esculapio
  • Statuto Lista Rossa: minacciato (EN)
  • Aggiungere un' osservazione

nahe_Andreas Meyer.jpg (Natrice dal collare elvetica (Natrix helvetica))
Natrice dal collare - Animale dell'anno 2015 Pro Natura
More...

Informazioni supplementari

  • Bestimmungshilfe: Faden- und Teichmolch-Weibchen, Braunfrösche, Wasser- oder Grünfrösche, Eidechsen, Schlingnatter und Kreuzotter, Ringelnatter-Unterarten. Rundbrief zur Herpetofauna von Nordrhein-Westfalen Nr. 28 (2005). Bearbeitet von Martin Schlüpmann.